Lo sfregio all’ultimo paradiso del Gargano è avvenuto nottetempo. Una ruspa ha spianato il sentiero di accesso alla piccola baia di Zaiana, estremo lembo di costa intatta prima dei residence di Peschici. L’ha trasformato in una strada abusiva, così da permette ai Suv di arrivare fino alla sabbia. Ma stavolta qualcuno s’è mosso. Non le istituzioni. Né il ministero. No, lo stop a quello scempio arriva da Vienna. È stata Veronika Pelikan, una giornalista austriaca, insieme ai fratelli Carlo e Marco, a mobilitarsi. Con un tamtam sul Web che da Austria, sua città natale, ha fatto il giro d’Italia.

Leggi l’articolo di Francesco Bellizzi

0 Kommentare

Dein Kommentar

An Diskussion beteiligen?
Hinterlasse uns Deinen Kommentar!

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

*

code